La Diocesi di Faenza – Modigliana, ente costitutore della nostra Fondazione, ci segnala questa importante iniziativa, nel percorso di avvicinamento alla prossima 49ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, che si terrà a Taranto dal 21 al 24 ottobre 2021.

 

La ricerca delle buone pratiche presenti sul territorio italiano, partita con le Settimane Sociali di Cagliari del 2017 continua, alla scoperta di aziende e comuni impegnati a realizzare quotidianamente i principi di Ecologia Integrale nelle loro attività.

Il percorso verso Taranto si arricchisce di un questionario che guida le buone pratiche nell’individuare e valorizzare i propri punti di forza grazie agli indicatori di Ecologia Integrale, messi a punto dal Comitato Organizzatore della CEI.

Per candidarsi come buona pratica alle prossime Settimane Sociali del 2021, le aziende e i comuni dovranno compilare i relativi questionari disponibili a questa pagina, sia per quanto riguarda le imprese e Comuni che per gli Enti del Terzo Settore e delle Diocesi/Parrocchie.

La data di scadenza per il coinvolgimento e l’autovalutazione delle buone pratiche, è fissata al 13 giugno 2021.

Molti uffici hanno partecipato con grande energia per contribuire alla realizzazione del progetto ma invitiamo coloro che non sono riusciti ancora ad attivarsi di “mettersi in cammino” per coinvolgere le realtà del proprio territorio (non importa la quantità ma la qualità sociale e ambientale delle esperienze).

Per qualsiasi supporto potete fare riferimento alla mail info@nexteconomia.org e come vi abbiamo sempre detto, siamo a vostra completa disposizione per eventuali necessità e incontri individuali.

Verso la fine di maggio vi manderemo una restituzione dei questionari che sono stati compilati e dei loro punteggi per permettervi di coinvolgere le buone pratiche e, per chi lo volesse, di organizzare un incontro di “rete” per condividere iniziative da replicare tra i soggetti coinvolti (sulla base dei loro diversi elementi di sostenibilità integrale) ed eventuali idee/proposte di sviluppo comuni.

 

Per il “Progetto Buone Pratiche”
Leonardo Becchetti e Luca Raffaele

 

Previous articleIl tuo 5×1000 a favore dei progetti della Fondazione
Next articleUna borsa di ricerca sulle torbiere e lo stoccaggio della CO2