Martedì 12 novembre, ospitato dal Polo Tecnico Professionale di Lugo si è svolto l’evento, “Formando Giovani in Europa” che la Fondazione Dalle Fabbriche di Faenza e il Centro Educazione all’Europa di Ravenna hanno organizzato per presentare gli esiti positivi dei loro progetti Erasmus+ realizzati a livello distrettuale su Ravenna, Rimini e il circondario imolese.

L’incontro, accreditato dalla Commissione Europea, è entrato nel pacchetto di oltre mille eventi tenutisi in Europa nell’ambito della IV edizione della settimana europea della formazione professionale.

Sono stati ben 162 gli studenti delle classi IV e i neodiplomati provenienti da 20 Istituti di Istruzione superiore (sia tecnico-professionale che liceale), che tra maggio e settembre si sono formati in Europa con progetti di mobilità da 5 a 13 settimane, realizzati attraverso “Erasmus Plus”, il Programma finanziato dall’Unione Europea a favore della mobilità formativa e lavorativa dei giovani.

I ragazzi hanno animato l’incontro con la testimonianza del loro vissuto personale e sono state presentate alcune loro esperienze, svolte nel corso del 2019 sia come tirocini in imprese europee e laboratori universitari di ricerca in ambito biomedico che come work-based learning, per realizzare progetti di marketing e promozione culturale all’estero. In particolare, un marketing plan realizzato da un gruppo di 20 studenti dei vari indirizzi aziendali e sviluppato con il supporto del dipartimento di Marketing della Municipalità di Derry, nel Regno Unito, è stato poi implementato dalla stessa Municipalità per la promozione 2019 dell’offerta turistico-culturale del territorio (Halloween week & Christmas Event).

Un altro gruppo di 45 studenti liceali ha realizzato, sempre nel Regno Unito, la II° edizione del Festival “CIAO”, un evento interamente ideato da studenti italiani per la promozione della cultura Italiana all’estero, visibile sia su Yuotube che Instagram.

Non ultima, in modalità formative di FAB LAB, la realizzazione con tecniche di progettazione 3D di un “Leonardo da Vinci – SIRI” interattivo, capace di dialogare e rispondere in inglese alle curiosità dei visitatori del festival “CIAO”; un progetto dove i ragazzi dei licei scientifici hanno dato prova di inventiva e capacità tecniche di progettazione e programmazione informatica di alto profilo.

Dietro a questi importanti numeri e iniziative, che nel biennio 2019-2020 hanno realizzato 332 mobilità e distribuito oltre un milione di euro in borse di studio, c’è un’altrettanta significativa e attenta progettualità formativa confluita nei due progetti M.Y. Europe (Moving Youth Round Europe), della Fondazione Dalle Fabbriche e Io Penso Europeo del Centro Educazione all’Europa di Ravenna, che – come possessore della Carta  di Qualità Erasmus – ha garantito a entrambi i progetti  un contesto qualitativo  e un partenariato europeo di tutto rilievo.

La BCC ravennate forlivese e imolese insieme a RomagnaBanca, Credito Cooperativo dell’area riminese, hanno co-finanziato gli aspetti organizzativi e il piano di comunicazione del progetto M.Y. Europe, quali partner territoriali della Fondazione per i due macro-territori coinvolti.

Un’azione di ampio respiro resa possibile dall’animazione di una rete territoriale e dal lavoro di un team motivato e professionale dei docenti delle scuole partner: gli Istituti Ginanni di Ravenna, Bucci, Oriani e Persolino-Strocchi di Faenza, i tre Istituti del Polo Tecnico – Professionale di Lugo, lo Scarabelli-Ghini di Imola, l’Einaudi-Molari di Santarcangelo di Romagna, il Belluzzi-Leonardo Da Vinci di Rimini e il Savioli di Riccione, i Licei Dante Alighieri e Nervi-Severini  e Oriani di Ravenna, Ricci Curbastro di Lugo e Ballardini-Torricelli di Faenza.