Sono pronti a partire i 41 studenti del Distretto Scolastico di Rimini che hanno partecipato a “Fare scuola in Europa”, l’iniziativa promossa dalla Fondazione Dalle Fabbriche e da Educazione all’Europa con la collaborazione di RomagnaBanca, che consiste nel proporre tirocini formativi in imprese europee di durata compresa tra le 5 settimane e i 3 mesi.
Sabato 13 aprile presso la sede di RomagnaBanca a Bellaria – Igea Marina, i 41 ragazzi selezionati, le loro famiglie e gli insegnanti di riferimento hanno incontrato i promotori dell’iniziativa per la presentazione ufficiale dei vari progetti. L’incontro è stato introdotto da Corrado Monti, Presidente di RomagnaBanca e Tiziano Conti, Vice Presidente della Fondazione Dalle Fabbriche, mentre Carmen Olanda, Direttrice di Educazione all’Europa, ha illustrato i vari aspetti dei tirocini previsti per il 2019, insieme ai referenti delle scuole partner, presentando le attività negli aspetti formativi e organizzativo-logistici e rispondendo alle domande di interesse per genitori e partecipanti.

Il progetto Fare scuola in Europa interessa i distretti scolastici di Rimini e Ravenna e si estende anche al circondario imolese. L’iniziativa, che ha riscosso grande successo lo scorso anno, nel biennio 2018-2019 avrà dato a ben 320 studenti l’opportunità di accrescere la propria formazione scolastica con esperienze in imprese estere.

I progetti di tirocinio sono promossi e coordinati dalla Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche di Faenza e dal Centro Educazione all’Europa di Ravenna, che vantano una collaborazione decennale in azioni di mobilità europea e accompagnamento al lavoro dei giovani. RomagnaBanca co-finanzia gli aspetti organizzativi e il piano di comunicazione del Progetto M.Y. Europe.
Si è formata una rete territoriale di scuole e Poli scolastici per complessivi 21 istituti di II grado, che per il Distretto scolastico di Rimini vede in prima fila il Belluzzi-Da Vinci, l’Einaudi-Molari e il Savioli di Riccione.

Parigi, Dresda, Derry, Dublino, Malta le destinazioni di queste belle esperienze di mobilità europea. Per 7 studenti, che si diplomeranno a luglio di quest’anno, si tratterà di una vera e propria possibilità di accompagnamento al lavoro, con un’esperienza lavorativa di tre mesi nel settore dell’Ospitalità.

Previous articlePer un rinnovato Microcredito
Next articleUna ragazza Erasmus della Fondazione al convegno “Colori d’Europa. Le sfide del terzo millennio”