La cooperativa che pensa solo ai suoi affari e non genera valore aggiunto per le persone dei Soci e per la loro comunità locale non è più una cooperativa.
Giovanni Dalle Fabbriche
 

Erasmus Plus premia i giovani talenti delle scuola superiori

Europa, le partenze continuano!

Ospitati dal Liceo Ricci-Curbastro di Lugo, in un’aula magna gremita di studenti e genitori e un’atmosfera carica di attese ed entusiasmo, nei giorni scorsi si sono incontrati i partner di una rete territoriale di 12 scuole che da Ravenna, dal Circondario imolese fino a Rimini, da tempo hanno deciso di “Fare scuola in Europa” insieme ai progetti targati “Erasmus plus” del Centro Educazione all’Europa di Ravenna e della Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche di Faenza, rispettivamente Io Penso Europeo e Moving Youth round Europe, quest’ultimo realizzato anche con il contributo di due Banche Cooperative: La Bcc ravennate, forlivese e imolese insieme a RomagnaBanca.

Continua così, positivamente, il trend di partenze alla volta dell’Europa, per un programma di alternanza scuola – lavoro in imprese europee, avviato a maggio – con 34 studenti che stanno svolgendo tirocini della durata di 5 settimane – e che dalla prima settimana di giugno metterà in mobilità altri 65 studenti delle classi IV.

 

La parola ai promotori

A salutare i ragazzi, ma anche a dare loro consigli pratici e le ultime consegne utili per il loro soggiorno, c’erano il Presidente della Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche, Edo Miserocchi, la Direttrice di Educazione all’Europa, Carmen Olanda insieme al Mobility Officer, Ernesto Basile, i docenti referenti delle scuole partner insieme agli 8 docenti che accompagneranno i ragazzi e li sosterranno sul campo in questa impegnativa esperienza.

Questo apporto importante dato alle scuole, ma anche all’intera comunità, è stato sottolineato da Edo Miserocchi, che ha ricordato “come questo impegno in prima linea, già in partnership con Educazione all’Europa dal 2008, è coerente con la cultura mutualistica della Fondazione e la cultura cooperativa della sua base associativa”. Carmen Olanda ha sottolineato ulteriormente il grande valore di questa offerta Erasmus Plus, anche numericamente significativa per il territorio (320 saranno le mobilità realizzate nel biennio 2018-2019 all’interno di questa collaborazione), ricordando “come nonostante l’Erasmus sia ormai ben noto, in termini di opportunità a livello nazionale è ancora un’offerta di nicchia, se si considera che annualmente in tutta Italia vengono finanziati non più di 100 progetti!”

 

Scuole partecipanti e luoghi di destinazione

Francia (Parigi), Germania (Dresda), Regno Unito (Derry) e Malta sono le destinazioni per gli studenti nuovamente in partenza dalle scuole tecnico-professionali della Provincia di Ravenna (Ginanni di Ravenna, Oriani, Persolino-Strocchi e Bucci di Faenza, Polo Tecnico Professionale di Lugo), del Distretto di Rimini (Molari di Santarcangelo, Savioli di Riccione e Belluzzi-Da Vinci di Rimini) e dell’area imolese (Scarabelli Ghini). Turismo e ospitalità, promozione culturale, marketing, amministrazione, IT, ambiente, i principali settori in cui gli studenti si cimenteranno sul campo, affiancati dai propri tutor europei. Per i chimici una grande opportunità: poter far parte di un team di laboratorio di una università inglese.

Per la prima volta anche 15 studenti dei licei faranno un’esperienza significativa di tirocinio in imprese europee. Sono i ragazzi dell’indirizzo linguistico dei Licei Dante Alighieri di Ravenna, Ricci-Curbastro di Lugo, Torricelli-Ballardini di Faenza. Metteranno a frutto le loro competenze prevalentemente nel settore turistico, culturale e sociale, con enti ospitanti selezionati tra circuiti museali, uffici turistici, agenzie viaggi, centri di animazione e promozione socio-culturale.

Questi stessi studenti a luglio passeranno il testimone ad altri 41 ragazzi delle classi V, sempre delle stesse scuole, che subito dopo l’esame di maturità continueranno a “fare scuola in Europa”. La staffetta per quest’anno potrà però dirsi conclusa solo a settembre con gli ultimi 22 studenti in partenza dai licei.

I commenti sono chiusi