La cooperativa che pensa solo ai suoi affari e non genera valore aggiunto per le persone dei Soci e per la loro comunità locale non è più una cooperativa.
Giovanni Dalle Fabbriche
 

Venerdì 26 maggio a Faenza si ricorda Giovanni Dalle Fabbriche a 25 anni dalla scomparsa

Venerdì 26 maggio, alle ore 20,30 verrà ricordato l’importante contributo che il cooperatore faentino Giovanni Dalle Fabbriche ha portato alla comunità locale e allo sviluppo del movimento cooperativo nazionale. L’incontro, promosso nel 25esimo anniversario dalla sua scomparsa, si svolgerà a Faenza, nella sala a lui dedicata, in via Laghi, 81.
Ne ricorderanno la figura Edo Miserocchi e Daniele Quadrelli che sono stati due suoi stretti collaboratori, all’allora Cassa Rurale ed Artigiana di Faenza e alla Federazione Regionale delle BCC, fino a diventarne entrambi direttori per un lungo periodo. Inoltre interverranno Carlo Dalmonte, presidente di Confcooperative Ravenna, Everardo Minardi, Presidente della Fondazione Dalle Fabbriche e Livia Bertocchi, collaboratrice della BCC ravennate e imolese e attualmente Presidente dei Giovani Cooperatori di Ravenna.
Giovanni Dalle Fabbriche è stato Presidente – dal 1965 fino alla sua scomparsa nel 1992 – della Cassa Rurale ed Artigiana di Faenza, uno dei partner fondamentali che nel tempo hanno costituito l’esperienza bancaria e cooperativa oggi diventata “la BCC – ravennate, forlivese e imolese”.
Sotto la sua presidenza, da cooperativa appena costituita, la banca è diventata il più importante istituto di credito della città.
Ricordarlo significa fare memoria dei valori, della tenacia, della intraprendenza che hanno portato uomini coraggiosi a realizzare il sogno di creare imprese nelle quali i soci, i dipendenti e tutta la comunità potessero sentirsi protagonisti del loro futuro.
Come scrive Salvatore Banzola, suo collaboratore recentemente scomparso: “Giovanni Dalle Fabbriche ebbe un ruolo primario nel ridefinire, sperimentare e patrocinare il solidarismo nell’area faentina nel dopoguerra: in un secondo tempo diventerà il vero e più importante ‘politico’ della cooperazione di credito, ai massimi livelli regionali e nazionali”.

Condividi:

I commenti sono chiusi