La cooperativa che pensa solo ai suoi affari e non genera valore aggiunto per le persone dei Soci e per la loro comunità locale non è più una cooperativa.
Giovanni Dalle Fabbriche
 

THE FUND RAISING SCHOOL lancia il nuovo catalogo dei corsi rivolto ad una generazione di fundraiser sempre più specializzata

In Italia la mancanza di una cultura manageriale nelle organizzazioni non profit può compromettere lo sviluppo strutturale ed economico della raccolta fondi. In questo contesto nasce l’esigenza di una maggior competenza e professionalità delle organizzazioni nel promuovere le proprie buone cause. Per questo The Fund Raising School, la prima scuola italiana di raccolta fondi promossa dall’area Alta Formazione di AICCON (Associazione Italiana per la promozione della Cultura della Cooperazione e del Non Profit) con sede presso l’Università di Bologna – Facoltà di Economia di Forlì  – sotto la direzione scientifica di Pier Luigi Sacco e con il contributo dei maggiori fundraiser italiani – promuove dal 1999 corsi che forniscono gli strumenti e le competenze per garantire la sostenibilità dei progetti sociali non solo degli enti non profit ma anche di enti pubblici.

Il 2011 è stato il più difficile degli ultimi anni per la raccolta fondi nel nostro Paese, a causa degli effetti della crisi economica e dell’accresciuta competitività tra le organizzazioni non profit. Secondo il “World Giving Index 2011” l’Italia, che nel 2010 si trovava al 29esimo posto nella classifica mondiale della generosità, nel 2011 è scesa al 104esimo posto. Questo dato è confermato dai risultati della settima edizione  dell’indagine sull’andamento delle raccolte fondi nel terzo settore dell’Istituto Italiano della Donazione, che registrano un calo di 26 punti percentuali delle donazioni da privati nel 2011 rispetto all’anno precedente. Anche l’indagine condotta da IPR Marketing per Il Sole 24 Ore sulle erogazioni al non profit nel periodo natalizio 2011 registra un drastico calo di benefattori dal 49% nel 2009 al 33% dello scorso anno. Infatti, nel 2009 un italiano su due aveva fatto almeno una donazione nel periodo natalizio, nel 2011 solo uno su tre.

“Di fronte a questo scenario di ridimensionamento delle politiche pubbliche di welfare – afferma Paolo Venturi, Direttore di AICCON – la figura del fundraiser diventa sempre più richiesta e rilevante per la sostenibilità economica delle cooperative sociali, e nasce l’esigenza di una maggior competenza e professionalità delle organizzazioni nel promuovere le proprie buone cause. Inoltre si stanno aprendo nuovi spazi di azione, in particolare quello dell’imprenditorialità sociale: l’importanza strategica del fundraising si evince anche dal dato evidenziato nel secondo Rapporto sull’Impresa Sociale di Iris Network, secondo cui il 64% delle imprese sociali italiane nel 2011 si è autofinanziata per sostenere investimenti materiali ”.

PROGRAMMA FORMATIVO – Per il 2012 The Fund Raising School prevede un programma formativo che parte da “corsi base” per fundraiser alle prime armi a “corsi specializzati” per aree di intervento: CULTURA, COOPERATIVE SOCIALI, INTERNET ed EVENTI.

Dopo il successo della prima edizione, anche quest’anno è possibile partecipare al Corso Executive COME CREARE E SVILUPPARE L’AREA FUNDRAISING, il primo laboratorio sperimentale ed operativo per la gestione dell’ufficio fund raising all’interno della propria organizzazione.

Inoltre, frequentando i corsi di The Fund Raising School, si può ottenere il CERTIFICATO IN FUND RAISING MANAGEMENT (CFRM), percorso formativo che fornisce le competenze indispensabili per diventare fundraiser.

Per ricevere informazioni sul programma è possibile contattare la segreteria della scuola al numero 0543/62327

www.fundraisingschool.it

Per il calendario dei corsi 2012 di The Fund Raising School, clicca qui

 

Condividi:

I commenti sono chiusi