La cooperativa che pensa solo ai suoi affari e non genera valore aggiunto per le persone dei Soci e per la loro comunità locale non è più una cooperativa.
Giovanni Dalle Fabbriche
 

Si è chiusa la Festa della Cooperazione di Faenza

Si è chiusa come ogni anno ad Agrintesa, l’edizione 2011 della Festa della Cooperazione di Faenza che quest’anno si è composta di numerosi eventi realizzati in collaborazione con la Fondazione Dalle Fabbriche e il Credito Cooperativo ravennate e imolese.

La Festa infatti si è aperta giovedì 26 maggio nel chiostro della Casa del Popolo di via Castellani con il convegno «Microcredito etico-sociale ravennate e imolese», un incontro voluto dalla Fondazione Dalle Fabbriche, il Credito cooperativo ravennate e imolese e le associazioni del territorio per discutere dell’avanzamento del progetto. «Il microcredito – spiega Tiziano Conti, vicepresidente della Fondazione Dalle Fabbriche – è una forma di finanziamento pensata per persone, famiglie e piccole imprese che attraversano temporanei momenti di difficoltà e che pur svolgendo un’attività lavorativa, incontrano degli ostacoli nell’accedere alle istituzioni creditizie a causa del loro profilo socio-economico. Ciò che si è costituito il 17 novembre scorso – continua Conti – è una rete formata da diversi soggetti che operano sul territorio e che sono uniti da un obiettivo comune, quello di ridurre i rischi di esclusione sociale nei periodi di crisi del lavoro, come questo che stiamo attraversando».

Il Prof. Minardi introduce il Convegno sul Microcredito, giovedì 26 maggio

Il Prof. Minardi introduce il Convegno sul Microcredito, giovedì 26 maggio

Nel pomeriggio di venerdì 27 maggio Fondazione Dalle Fabbriche e Credito Cooperativo ravennate e imolese hanno organizzato, sempre in via Castellani 25, il «Laboratorio di didattica e di esperienza cooperativa» e, con la collaborazione dell’autore Marco Reggio, la presentazione del libro «Game over, play again»: un testo, rivolto soprattutto alle giovani generazioni, nato dagli incontri che lo scrittore ha tenuto con gli studenti del liceo per parlare della crisi economica e delle prospettive future della nostra economia.

Minardi e Reggio alla presentazione del libro, venerdì 27 maggio

Minardi e Reggio alla presentazione del libro, venerdì 27 maggio

Uno degli eventi principali della Festa della Cooperazione manfreda è stato poi il convegno, sabato 28 maggio, dal titolo «A 25 anni dal discorso di Giovanni Paolo II alla cooperazione. Faenza 10 maggio 1986» organizzato da Confcooperative, Legacoop, Agci e Fondazione Dalle Fabbriche: dopo i saluti del sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi, il vescovo Monsignor Claudio Stagni, Alessandro Azzi, presidente di Federcasse e Giuliano Poletti, in rappresentanza dell’Alleanza delle cooperative italiane, hanno riflettuto sul discorso che papa Wojtyla tenne al mondo cooperativo faentino 25 anni fa. A presiedere i lavori Everardo Minardi, presidente della Fondazione Dalle Fabbriche: «Il 10 maggio 1986 Giovanni Paolo II, nel corso di una visita in Romagna, ha tenuto un discorso molto importante all’allora cooperativa Paf di Faenza davanti a un’enorme quantità di persone e cooperatori – spiega lo stesso Minardi -. Purtroppo quel discorso è rimasto poco conosciuto in questi 25 anni e questo ci ha convinto, proprio nell’anno della sua beatificazione, a rendere questo ragionamento oggetto di una riflessione a disposizione di tutta la cooperazione, senza distinzione di colore o appartenenza, così come fu anche allora. Questa ‘enciclica cooperativa’ deve essere a disposizione di tutti per la sua rilevanza, concretezza e attualità. Il prossimo settembre – conclude il presidente -, nel corso dei ‘Lunedì della cooperazione’, la Fondazione Dalle Fabbriche porterà avanti questo percorso pensato per attualizzare e approfondire tematiche che riteniamo di fondamentale importanza per il mondo cooperativo».

Il Convegno sui 25 anni del discorso del Papa, sabato 28 maggio. Da destra: Azzi, Malpezzi, Minardi, Mons. Stagni, Poletti. (Foto Tassinari, Faenza)

Il Convegno sui 25 anni del discorso del Papa, sabato 28 maggio. Da destra: Azzi, Malpezzi, Minardi, Mons. Stagni, Poletti. (Foto Tassinari, Faenza)

Condividi:

I commenti sono chiusi