La cooperativa che pensa solo ai suoi affari e non genera valore aggiunto per le persone dei Soci e per la loro comunità locale non è più una cooperativa.
Giovanni Dalle Fabbriche
 

T-ERRE Turismo Responsabile entra a far parte di ZOES

L’Associazione T-ERRE Turismo Responsabile fa parte da qualche giorno, dopo un iter di accreditamento durato alcuni mesi, del social network in internet ZOES zona equosostenibile http://www.zoes.it/http://www.zoes.it/it/pubblico/T-ERRE un progetto di Fondazione Culturale Responsabilità Etica onlus e Fondazione Sistema Toscana che vuole essere un punto di riferimento dove si incontrano persone, istituzioni e realtà interessate ad un futuro equo, ad immaginare un mondo che sappia risolvere positivamente la crisi ecologica, sociale ed economica che stiamo attraversando.
Zoes è uno strumento per favorire la diffusione di stili di vita sostenibili, per mettere in rete i vari modi di fare economia responsabile socialmente e ambientalmente. È una piattaforma informatica per rendere visibili le tante realtà intorno a noi che già si impegnano per un mondo migliore: consumatori responsabili, reti di mutualità, campagne di azione, produttori, imprenditori, commercianti, associazioni ed enti, amministrazioni ed istituzioni.
È un social network per discutere e far crescere una cultura della sostenibilità e del valore, anche economico, delle relazioni tra persone.

Un altro social network a cui T-ERRE è iscritta è  la Rete Ecologista Bolognese:
http://recobo.ning.com/
http://recobo.ning.com/profile/GiorgioGatta
 
T-ERRE Turismo Responsabile
info@t-erre.org www.t-erre.org
http://turismoresponsabile.blog.kataweb.it/

Condividi:

I commenti sono chiusi