La cooperativa che pensa solo ai suoi affari e non genera valore aggiunto per le persone dei Soci e per la loro comunità locale non è più una cooperativa.
Giovanni Dalle Fabbriche
 

Siglato un Protocollo d’Intesa tra Forum Terzo Settore Emilia Romagna e Unioncamere

“Un primo importante traguardo, ma soprattutto il punto di partenza per una proficua e costante collaborazione volta a favorire i processi di imprenditorialità sociale sul territorio regionale”. Così il presidente di Unioncamere Emilia Romagna, Andrea Zanlari, e il portavoce del Forum Terzo Settore regionale, Giovanni Melli, definiscono il Protocollo d’intesa regionale tra Forum e Unioncamere, siglato il 14 luglio nel corso di una conferenza stampa.
L’accordo, che  rappresenta la prima proiezione regionale del Protocollo nazionale sottoscritto da Unioncamere e dal Forum del Terzo Settore a fine 2007, potrà essere un valido strumento di attuazione della recente risoluzione del Parlamento europeo (19 febbraio 2009), che riconosce l’importanza delle condizioni politiche e legislative per la piena affermazione dell’economia sociale. “Questo protocollo dimostra un’attenzione all’etica dell’economia – ha affermato infatti Andrea Zanlari –  In una regione come l’Emilia Romagna in cui i soggetti del terzo settore rivestono un  ruolo centrale nello sviluppo delle politiche sociali e nell’economia locale è fondamentale per il sistema camerale stabilire sinergie e individuare ambiti di collaborazione con l’obiettivo di favorire l’imprenditoria sociale.”
Dello stesso avviso Giovanni Melli, che vede in questa collaborazione un’importante occasione per dare valore alla dimensione economica del no profit, incentivando i processi di imprenditorialità sociale nella nostra regione. “Con questo accordo intendiamo mettere in evidenza il valore del terzo settore, sia in termini economici, che di produzione di ben-essere e di bene-stare della comunità.” “Veniamo da una crisi che ha la caratteristica di distruggere la dignità – prosegue Melli – a cui è possibile far fronte solo attraverso un sistema economico capace di connettere le risorse delle persone ai bisogni della comunità e di creare posti di lavoro in un’ottica di inclusione sociale e valorizzazione del capitale umano .”

Tra le azioni previste dal protocollo vi è la costituzione, con il supporto scientifico di AICCON (Associazione Italiana per la promozione della Cultura della Cooperazione e del Non-profit), di un Osservatorio Regionale sull’economia sociale con l’obiettivo di migliorare la conoscenza del sistema no profit, elaborando e raccogliendo dati sull’economia sociale Emilia Romagna e sulle sue prospettive di sviluppo, sia in termini economici, che attraverso la valorizzazione e la misurazione delle relazioni e del benessere prodotto. A tal fine si tenterà di creare infatti degli indicatori alternativi rispetto a quelli classici dell’economia, in grado di misurare anche l’impatto sociale delle attività del Terzo Settore.
L’accordo prevede inoltre il rafforzamento della collaborazione sul versante degli adempimenti amministrativi previsti dalla normativa sull’impresa sociale, in particolare delle norme riguardanti la creazione dei Registri delle imprese sociali presso le Camere di Commercio. Sono previste azioni formative congiunte per rendere più agevole l’iscrizione delle imprese sociali ai registri, e per creare un sistema di accreditamento che porti a una definizione comune e condivisa di impresa sociale. Inoltre – come sottolineato da Melli – il Protocollo potrà nel tempo costituire la base per  costruire una nuova consapevolezza per l’intero terzo settore, e far sì che anche la sua parte “non economica”, costituita dal mondo delle associazioni, qualora lo desideri, possa trovare nelle Camere di Commercio un punto in cui rendersi ancora più trasparente, depositando i propri bilanci economici e sociali.

Testo del Protocollo di Intesa in formato PDF

Per informazioni
Forum Terzo Settore Emilia Romagna
tel . 051/296.09.23
info@terzosettoreemiliaromagna.it

Condividi:

I commenti sono chiusi